Guarda! Un asino che vola

Possiamo immaginare una transizione epocale come quella che saremo chiamati a fare, senza una adeguata comunicazione che la spieghi, l’accompagni e la sostenga?
La maggioranza di noi è spaventata dai cambiamenti, ma oggi siamo chiamati a farlo visti i pericoli ai quali tutti noi andiamo allegramente incontro. Ricordate il Titanic?
Ormai nessuno, soprattutto dopo la Coop28 di Dubai e tutti dati che gli scienziati hanno e sui quali concordano al 99% , può più mettere in discussione che il cambiamento climatico esiste e che, nelle modalità attuali, è opera dell’uomo con tutti i disastri che sta già creando.
Questo ci impone di ripensare il sistema economico e finanziario così come è oggi.
Ma niente paura! Se il genere umano ha pensato l’economia come oggi la conosciamo e ha sviluppato il sistema (lineare) di produzione, consumo e finanziario come è oggi, può cambiarlo, riscriverlo e adottarne un altro: quello circolare.
Certo farlo non sarà una passeggiata di salute, ma tanti saranno i benefici per ognuno di noi sul piano della salute personale e del lavoro, tanto per citarne solo due con ricadute positive sull’ambiente dove viviamo.
Ma non possiamo farlo senza la consapevolezza e l’adesione di tutti o quanto meno, della maggioranza di noi.
Quindi la comunicazione, come sempre, svolge un ruolo centrale e strategico per sostenere le scelte che potrebbero sembrare, a volte, difficili.
Quando parliamo di comunicazione, parliamo di dire, scrivere o dibattere, su fatti accertati, di su opinioni serie e autorevoli: nessuno spazio per l’improvvisazione o peggio, la malafede.
L’ignoranza, a volte indotta e voluta da interessi economici, politici e sociali che pensano o sanno di avere “da perdere” può rallentare l’indispensabile cambiamento contribuendo a disastri che costano non solo migliaia di miliardi di danni ma anche, purtroppo migliaia di vite umane.
Quindi c’è bisogno di comunicare, di raccontare storie e di farlo dal punto di vista giornalistico o pubblicitario, con la letteratura, con i programmi televisivi, il cinema, le serie, la musica e, insomma, con tutte le arti.
A questo tema dedichiamo la nostra rubrica: “Guarda! Un asino che vola” per sottolineare quanto è importante non credere alle frottole.
Non c’è più tempo da perdere. Dobbiamo sostenere chi opera e lavora ogni giorno sulle soluzioni per raccontare le loro straordinarie storie, per dare un futuro prospero alla specie umana.
Buon ascolto.
d.guenza@commcode23.com

Intervista a Mauro Buonocore

Mauro è il Responsabile della Comunicazione e rapporti con i media della Fondazione Euro Mediterraneo per i Cambiamenti Climatici. Un professionista ed un grande esperto della comunicazione dedicata al Clima

Ascolta la puntata

Intervista a Emanuele Bompan

Emanuele Bompan è il direttore di Materia Rinnovabile. Una rivista bimestrale dedicata all’economia circolare e ai temi della transizione economica e della tutela dell’ambiente, che viene diffusa in Italia e

Ascolta la puntata

Intervista a Davide Boscacci

Davide Boscacci è Chief Creative Officer di Accenture Song, l’agenzia marketing e comunicazione del gruppo di consulenza Accenture . Davide è un direttore creativo della pubblicità e della comunicazione sia

Ascolta la puntata

Articoli correlati

Materia Rinnovabile

CommCode23 e Materia Rinnovabile hanno definito una accordo di partnership che prende vita in questa rubrica attraverso la presentazione sintetica dei principali contenuti pubblicati dalla

Leggi di più
Rubrica CommCode23 Avanti c'è posto

Avanti c’è posto

La nuova rubrica di CC23 a cura di Roberto Amorosino che nasce per presentare, conoscere ed esplorare le nuove professioni ed i nuovi lavori legati

Leggi di più

L’Europa al voto

Dal 6 al 9 giugno andranno al voto i cittadini dei 27 Stati membri dell’Unione Europea. Prima ancora di accostarci all’analisi della tornata elettorale –

Leggi di più